Finito il tempo della purezza del Movimento 5 Stelle. Non hanno retto alla prima crisi internazionale in cui sono inciampati.

Il Movimento 5 Stelle non può continuare a presentarsi come “anti-sistema”. Il motivo è semplicissimo. Il candidato premier Luigi Di Maio – che non ha alcuna esperienza politica né spessore intellettuale, qualità superflue per fare la marionetta – non può annunciare la rottura con la “casta” e poi dichiarare, durante un viaggio a Washington, di “non voler essere il Cameron italiano” – e quindi di non voler uscire dall’Euro per cambiarlo da dentro – e soprattutto che “l’Italia non lascerà la Nato con un governo pentastellato”.

Ma Di Maio perde ogni traccia di credibilità quando compie un viaggio a Londra  insieme all’economista Lorenzo Fioramonti. A Londra i due hanno incontrato i più grandi Fondi d’investimento americani e britannici per “rassicurarli che il Movimento 5 Stelle ha un programma solido e intenzioni serie” e mettere ordine al caos creato dalla stampa riguarda alle loro posizioni sull’Euro. I due sono volati fino a Londra – spiegato in estrema sintesi – per garantire ai grossi investitori che ad un’eventuale Italia pentastellata non sfiorerà neanche l’idea di uscire abbandonare l’euro.  Non c’è antisistema in queste condizioni, e Di Maio “mente sapendo di mentire.”

Ed ecco che scoppia una crisi internazionale e il Movimento 5 Stelle si schiera dalla parte del più forte. Lo ha dimostrato dopo la strage di Gaza, quando Di Maio non ha dichiarato niente, silenzio assoluto, non una parola. Lo ha dimostrato schierandosi dalla parte della Nato sulla questione dei bombardamenti a Damasco.

Ad aggravare la già complicata posizione dei pentastellati c’è la crisi di governo -certo non per colpa dei 5 stelle- e Di Maio propone un “contratto di governo” alla Lega e al Partito Democratico, dopo aver promesso per anni di rovesciare il Palazzo. Insomma, il movimento “antisistema” ha toppato prima ancora di formare un governo.

Cosa pensavate che fosse il “sistema”, il vitalizio e l’auto blu?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome