Di Gilberto Trombetta

Due ore di attesa dopo la chiamata d’emergenza, 2000 dollari per il trasporto in ambulanza, 1500 per la visita al Pronto soccorso, altri 500 per la radiografia*.

È la sanità privata a stelle e strisce, bellezza.

I negozi in compenso sono sempre aperti, 7 giorni su 7, 24 ore su 24.

Una realtà che a molti può sembrare ancora tanto lontana da noi. Così lontana da non doversene preoccupare.

Siete così sicuri?

«Spiacenti, non abbiamo le ambulanze». È quanto si è sentita dire l’altro giorno un’anziana 96enne di Carrara**.

La signora si sarebbe dovuta recare a un vicino ospedale per eseguire terapie antitumorali, ma alla fine è stata costretta a pagarsi un’ambulanza privata.

Non dovrebbe stupire. Sono anni che i finanziamenti pubblici al nostro SSN vengono tagliati. Tagli a cui bisogna aggiungere l’incivile blocco del turn over.

A partire dal 2010 la quota di finanziamento pubblica della Sanità in Italia ha iniziato a calare ancora più velocemente, distaccandosi progressivamente dalla media registrata nei Paesi europei occidentali***.

Lo scorso anno la quota di finanziamento italiana è stata di 6 punti percentuali inferiore a quella degli altri Paesi, tanto da essere ormai allineata a quella dei Paesi dell’Est europeo. Solo negli ultimi 8 anni la spesa è stata tagliata del 2,7%.

Così facendo la forbice rispetto ai Paesi occidentali della UE si è allargata, portando quella della spesa pubblica pro capite al 37,1%. Cioè l’italia spende appena i 2/3 di quello che spendono gli altri Paesi (grafico).

Contemporaneamente si è ridotta la forbice della spesa privata per la salute, che vedeva fino a qualche anno fa l’Italia tra gli ultimi posti. Nel 2008 era inferiore del 20% circa a quella media degli altri Paesi UE ma è stata ormai ridotta ad appena l’11,4%.

Una cosa inaccettabile se si pensa che il nostro SSN, sulla carta almeno, dovrebbe essere ancora Universalistico, Globale e offrire quindi servizi gratuiti. A tutti.

[* https://twitter.com/David26399441/status/1211126566903779329
** https://www.lanazione.it/cronaca/spiacenti-non-abbiamo-le-ambulanze-novantenne-costretta-a-pagare-il-trasporto-1.4959109
*** XV Rapporto CREA Sanità https://www.creasanita.it/15volume_dwn/Libro_exe_01.pdf]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome