Di Alberto Negri

Ecco come funziona il giornalismo da noi, almeno sugli esteri. La politica estera e il mestiere di inviato di guerra che ho esercitato per 35 anni sono da noi assai marginali: giornali e tv sono ripiegate sull’ombelico italico da sempre. I posti e ovviamente gli stipendi migliori vengono riservati agli amici degli editori, dei politici e di qualche lobby, come quella che influenza le nomine sui corrispondenti in Israele. Chi è contro Israele o viaggia il mondo arabo e iraniano è un amico dei terroristi, quindi sospetto. Poi c’è la sudditanza nei confronti degli Usa: per anni chi era contrario alla politica americana in Medio Oriente non scriveva editoriali e i suoi reportage erano relegati nelle pagine interne. Emblematica la guerra in Iraq del 2003 in cui la stragrande maggioranza della stampa ha appoggiato la guerra senza neppure sapere dove fosse il Medio Oriente. In sintesi devi essere amico di Israele e degli Stati Uniti: come la maggior parte di coloro che hanno governato l’Italia in questi decenni, tranne rare eccezioni. Chi non ha aderito o aderisce a questa visione è destinato ai margini. Fine delle trasmissioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome