Di Pierluigi Fagan

Le prefetture di Xian in Cina, vennero prese d’assalto non appena finito il lockdown da code interminabili di richiedenti il divorzio. La convivenza segregata prolungata, portò molte coppie allo scoppio. I sistemi delle relazioni umane, quando messi sotto violenta e prolungata pressione, rivelano la consistenza dei legami. Quando le sottostanti tensioni non possono esser sfogate all’esterno o compensate con varie distrazioni, si rivelano esiziali. Così sembra possa accadere per quanto alla riunione di ieri dei vertici europei.

Chi titola in testa l’argomento è la stampa spagnola. Noi giustamente ci occupiamo dei nostri problemi lombardi molto gravi, ma quello che sta succedendo in Spagna sta assumendo proporzioni catastrofiche. Non ho trovato tracce, ma forse qualcuno potrà aiutarmi, di notizie sul merito, sulla stampa francese che segue invece un Macron che rilancia la grandeur annunciando prossime iniziative straordinarie concordate con Trump. La Francia non vuol rimanere sola con la Germania e quindi dà sponda a Roma, ma bisognerà vedere cosa farà quando sarà messa alle strette. Die Zeit invece, apre sulla notizia ed è un articolo molto preoccupato, che per altro centra il punto. Ieri sera hanno guadagnato tempo prima di mandarsi a quel paese (ognuno al suo, il che come nota il giornale tedesco rivela l’inconsistenza del presunto concetto di “comunità”), forse aspettando che i morti crescano anche dove oggi sono meno che da noi. Ma non credo sia una buona idea. L’Olanda ha cifre mortuarie molto alte, la Finlandia ha isolato Helsinki, i Paesi dell’Est sono il Großraum della Germania per destino geo-storico (o in alternativa quello della Russia) e quindi pigolano appresso a mamma anatra tedesca, credo sia proprio inaccettabile in via di principio per loro, l’idea di far qualcosa di straordinario a fronte degli eventi laddove si tratta del ruolo che la moneta ha nell’economia. La stampa italiana tende un po’ a minimizzare l’indisponibilità nordica dopo il Draghi sfascia-miti-monetari di ieri, è evidente l’imbarazzo. E’ un doppio cazzotto in faccia a tutta la mielosa ed irrealistica narrazione che in questi anni ha avvolto -L’Europa-, nuovo culto della madonna come dea madre appiccicato ad un volgare accordo geopolitico di convivenza tra Francia e Germania a base di vil denaro del quale noi siamo solo gli spettatori interessati, paganti.

Gli amici si vedono nel momento del bisogno. I nemici anche. Ai matrimoni d’interesse, quando l’interesse diverge, rimane solo il mettersi in coda alla prefettura di Xian per la domanda di divorzio, previo distanziamento sociale, s’intende.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome