Di Gilberto Trombetta

Secondo un report realizzato da Coldiretti su dati Istat, il CETA sta danneggiando pesantemente l’export dei prodotti italiani in Canada.

Nel primo semestre del 2019 l’export dei formaggi è crollato del 32% mentre quello dell’olio di oliva del 20% (vedere tabella).

Festeggia invece il Canada che vede crescere clamorosamente l’export dei suoi prodotti.

Le quantità di grano, per esempio, sono aumentate di 9 volte nel primo semestre del 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018, per un totale di 387 milioni di chili.

Secondo Coldiretti, «il balzo delle importazioni è favorito dalla concorrenza sleale di prodotti che non rispettano le stesse regole di sicurezza alimentare e ambientale vigenti nel nostro Paese. Il grano duro canadese viene infatti trattato con l’erbicida glifosato in preraccolta, secondo modalità vietate sul territorio nazionale dove la maturazione avviene grazie al sole».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome