Fabio Fazio e Roberto Saviano

La guerra siriana rappresenta una delle più grandi tragedie del nostro tempo. Per analizzare tale complesso conflitto per procura che dura da 7 lunghi anni, occorrono competenza, preparazione e uno sguardo non fazioso e il più possibile oggettivo sui fatti.

Riteniamo che una vicenda simile non possa essere trattata senza contraddittorio e con tesi precostituite né con troppa enfasi e in maniera unilaterale. Pensiamo altresì che quanto andato in onda domenica 25 marzo a Che Tempo Che Fa, in particolare durante l’intervento del saggista Roberto Saviano, che non è né un professore di relazioni internazionali né un giornalista esperto di Medio Oriente, non sia tollerabile.

Riteniamo che un servizio pubblico come quello della Rai debba il più possibile fornire un’informazione bilanciata e sopra le parti. Quello che abbiamo visto è un monologo senza contraddittorio che non fa un buon servizio all’informazione.

Chiediamo dunque che d’ora in poi questo tema venga trattato con maggiore equilibrio e professionalità.

COPIA QUESTO MESSAGGIO E INVIALO A chetempochefa@rai.it

 

Gli indifferenti rispondono all’appello lanciato da Oltre la Linea contro la disinformazione televisiva e la propaganda Rai. L’informazione è l’anello mediatore tra noi e il mondo e non è più accettabile venire ingannati in questo modo. Aderisci all’appello anche tu!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome